Questo sito utilizza cookie per offrire la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Medicina rigenerativa

RIGENERAZIONE OSSEA

La perdita di sostanza ossea costituisce uno dei maggiori problemi che il chirurgo ortopedico affronta nel corso della pratica clinica. Il nostro gruppo, dopo la valutazione sul modello animale, ha avviato uno studio clinico basato sull'utilizzo di materiali biocompatibili e bioriassorbibili di ceramica porosa a base di Idrossiapatite (HA) e di cellule staminali mesenchimali autologhe (BMSC). Tale associazione ha lo scopo di poter beneficiare contemporaneamente delle proprietà osteoconduttive e meccaniche della ceramica e di quelle osteoinduttive delle cellule mesenchimali staminali che, differenziandosi in osteoblasti, colmano la perdita di sostanza ricostituendo il nuovo osso.

rigenerazione ossea 1
rigenerazione ossea 2
rigenerazione ossea 3

 

UTILIZZO DEI FATTORI DI CRESCITA PIASTRINICI (PRP)

Negli ultimi anni si sono sempre più sviluppati ed approfonditi gli studi sui fattori di crescita. Le nuove scoperte e la conoscenza dell’importanza e del ruolo di questi fattori hanno creato un crescente interesse per un loro possibile utilizzo terapeutico. Il termine “fattore di crescita” (spesso usato nella forma inglese “growth factor” - G.F.) si riferisce a proteine capaci di stimolare la proliferazione e la differenziazione cellulare.

Il Platelet-Rich Plasma, plasma arricchito in piastrine comunemente indicato con l’acronimo PRP, è un prodotto di derivazione ematica studiato da numerosi anni in diverse branche della medicina, il cui razionale d’uso risiede nel fatto che le piastrine, di cui è ricco il PRP, rilasciano numerose sostanze che promuovono la riparazione tissutale e influenzano il comportamento di altre cellule modulando l’infiammazione e la neoformazione di vasi sanguigni. Le piastrine infatti giocano un ruolo fondamentale nel mediare la guarigione del tessuto danneggiato grazie alla capacità di liberare fattori di crescita, tra i quali il PDGF, il TGF, il VEGF, l’IGF-1, l’FGF, e l’EGF. I granuli contenuti nelle piastrine sono anche una fonte di “citochine”, “chemochine” e molte altre proteine variamente coinvolte nello stimolare proliferazione e maturazione cellulare, nel modulare l’infiammazione e attivare altre cellule regolando l’omeostasi tissutale ed i processi rigenerativi.

Piastrine quiescentiPiastrine quiescenti
Piastrine dopo attivazionePiastrine dopo attivazione

Nella nostra pratica clinica la terapia con fattori di crescita di derivazione piastrinica (PRP) trova impiego sia nelle lesioni cartilaginee/artrosi del ginocchio che nelle patologie tendinee.

 

PATOLOGIA CARTILAGINEA - ARTROSI

Infiltrazione intra-articolare ginocchioInfiltrazione intra-articolare al ginocchio di PRP

Attualmente la nostra Divisione sta conducendo uno studio randomizzato in doppio cieco con l’obiettivo di confrontare l’efficacia clinica della terapia infiltrativa intra-articolare con acido ialuronico (molecola di sintesi approvata per la terapia conservativa della gonartrosi) e con il PRP.

 

PATOLOGIA TENDINEA

Il sovraccarico tendineo è una condizione che si verifica in seguito a sollecitazioni meccaniche ripetute. Tali sollecitazioni ripetitive inizialmente determinano danni di carattere microscopico che successivamente, in un periodo di tempo dipendente dall’entità del sovraccarico, si fanno macroscopicamente evidenti. I microtraumi agiscono cumulativamente indebolendo le fibre di collagene, alterando l’architettura globale del tendine ed il supporto vascolare.

Il persistere del sovraccarico porta alla comparsa dapprima di tendinosi (degenerazione del tendine prima focale e poi diffusa, inizialmente asintomatica) e successivamente di lacerazioni parcellari, fino alla rottura completa del fascio tendineo. I tendini più comunemente affetti da lesioni da sovraccarico sono il tendine rotuleo e quello achilleo.

Nella nostra pratica clinica ricorriamo all’uso dei fattori di crescita quando altri precedenti approcci terapeutici più tradizionali (fisioterapia, laserterapia, manipolazioni tendinee, …) si sono rivelati inefficaci. In tali casi, il tendine viene sottoposto a tre infiltrazioni di PRP ad intervalli di 2-3 settimane e, contemporaneamente, si inizia un protocollo riabilitativo focalizzato sugli esercizi eccentrici.

Infiltrazione intra-tendinea PRP tendine rotuleoInfiltrazione intra-tendinea di P.R.P. nel tendine rotuleo.
Infiltrazione intra-tendinea PRP tendine rotuleoInfiltrazione intra-tendinea di P.R.P. nel tendine rotuleo.

 

UTILIZZO DELLE CELLULE STAMINALI

L’uso delle CELLULE STAMINALI derivati dal midollo osseo o dal tessuto adiposo per accelerare la guarigione dei tessuti è ampiamente descritto in letteratura. Il concentrato autologo di midollo osseo o del tessuto adiposo contiene cellule mesenchimali pluripotenti, in grado di differenziarsi in diverse linee cellulari. Le cellule mesenchimali svolgono inoltre un’azione anabolica sui tessuti rilasciando fattori di crescita.

Nell’ambito della chirurgia ortopedica gli studi sull’uso delle cellule staminali documentano una riduzione dell’infiammazione e un’accelerata rigenerazione tissutale. Altri studi hanno dimostrato in particolare l’utilità del concentrato midollare nel trattamento delle lesioni cartilaginee articolari e dell’osteoartosi del ginocchio per mezzo di infiltrazioni intra-articolari. Ad oggi tuttavia non esiste alcun lavoro di alta qualità metodologica che permetta di asserire con certezza e fondatezza statistica tale indicazione nell’applicazione delle cellule staminali derivate dal midollo osseo o dal tessuto adiposo.

Attualmente il nostro gruppo conduce studi clinici sull’applicazione nella pataologia certilaginea/artrosi delle cellule staminali derivate dal midollo osseo o dal tessuto adiposo, utilizzando principalmente due metodiche di concentrazione delle cellule:

Cellule derivate del midollo osseo (concentrato midollare): Biologic Therapies - BioSpin Magellan

bio spin
prelievo midollo osseo
concentrazione cellule bio spin

Cellule derivate dal tessuto adiposo: LipoGems

lipogems 1
lipogems 2
lipogems 3

Prof.sa Elizaveta Kon

Per info e appuntamenti:

Humanitas Research Hospital
Milano
(mercoledì pomeriggio)
02 82248225

Casa di Cura Toniolo
Bologna
(venerdì pomeriggio)
051 6222008

 

Linkedin

News in primo piano

Humanitas Research Hospital

Humanitas è un ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario. All’interno del policlinico si fondono centri specializzati per la cura dei tumori, delle malattie cardiovascolari, neurologiche ed ortopediche, oltre a un Centro Oculistico e a un Fertility Center.

www.humanitas.it